Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

OBESITA'

Eccessivo accumulo di grasso corporeo. L'obesità è una delle cause più comuni di visite presso divisioni per adolescenti. La maggior parte dei casi di obesità è dovuta all'assunzione di cibo in quantità superiore a quella necessaria. Le influenze genetiche sono comuni e sono in atto ricerche sui geni responsabili. Le cause primitive endocrinologiche (p. es., ipersurrenalismo corticale, ipotiroidismo) o metaboliche non sono comuni. L'ipotiroidismo deve essere escluso. Se il bambino è basso e presenta ipertensione, si deve prendere in considerazione la sindrome di… [..]

OMBELICO DEL NEONATO

Il moncone ombelicale dopo la nascita presenta un processo di essicamento che ne provoca la mummificazione e successivamente il distacco, che avviene di norma entro le 2 settimane. Una caduta ritardata oltre la 4 settimana può essere segno di superinfezione o di un difetto della chemiotassi neutrofila. La ferità che rimane si cicatrizza in media entro 8-10 giorni.TRATTAMENTO DEL MONCONE OMBELICALEDeve essere tenuto pulito e asciutto, coperto con garza sterile e fissato con una benda o una rete elastica. La ferita ombelicale dopo la caduta del moncone va cosparsa con una polvere antibiotica… [..]

ONICOMICOSI

Detta anche Tinea unguium, l’onicomicosi è un’infezione fungina che colpisce le unghie. La localizzazione primitiva è più frequente ai piedi con eventuale successiva localizzazione alle mani. Gli agenti eziologici che causano l’infezione possono essere sia i dermatofiti (prevalentemente Tricophyton), sia un lievito, Candida albicans, micete più noto per essere responsabile anche di un’affezione del cavo orale dei lattanti che è il mughetto. SINTOMI Diverse sono le alterazioni rilevabili a livello dell’unghia a seconda che siano in causa i dermatofiti o i lieviti. Nel primo… [..]

ORNITOSI - PSITTACOSI

Malattia infettiva provocata da un batterio Gram-negativo, appartenente al gruppo delle clamidie, affine alle rickettsie, intracellulare obbligato. CAUSE Il batterio, chiamato Chlamydia psittaci, ha caratteristiche simili sia ai virus che ai batteri: ha una parete rudimentale ed è sensibile agli antibitotici possiede DNA e RNA e necessita di una cellula per vivere e replicarsi. L’o. viene trasmessa all’uomo da diversi tipi di uccelli: essa venne inizialmente descritta come malattia trasmessa da pappagalli ed altri psittacidi e, come tale, definita psittacosi in seguito si osservò… [..]

ORTICARIA

Spesso l'orticaria è provocata da cibi allergizzanti, ricchi di istamina o da sostanze che causano intolleranza. Prestare attenzione all'alimentazione aiuta a prevenire il fastidioso prurito L' orticaria su base alimentare, a differenza dalle forme provocate da punture di insetto o allergia da contatto, si diffonde su tutto il corpo colpendo in particolar modo braccia, torace, dorso e gambe. La reazione scompare spontaneamente entro 2-4 giorni; ciò nonostante non va sottovalutata poiché è sinonimo di intolleranze o allergie che è bene indagare. L' orticaria è una manifestazione… [..]

ORZAIOLO

Processo infiammatorio acuto, provocato in genere da batteri stafilococchi, interessante una o più ghiandole sebacee annesse alle ciglia palpebrali. Si tratta di un piccolo ascesso dovuto alla suppurazione delle ghiandole sebacee e si sviluppa con maggior frequenza verso l’esterno delle palpebre.SINTOMI Fastidio al bordo della palpebra e l’avvertire qualche cosa di estraneo all’occhio sono spesso i segni dell’inizio di questo disturbo. Toccando col dito, si avverte una zona dolorosa che si arrossa e che in poche ore si gonfia talvolta tutta la congiuntiva è arrossata, la palpebra… [..]

OSSIURIASI

Infestazione parassitaria determinata da un verme nematode, l’Enterobius vermicularis, più comunemente denominato ossiuro.È un’elmintiasi diffusa nelle zone fredde e temperate ad alto livello igienico pur essendo possibile anche ai tropici. La sua diffusione, che raggiunge il miliardo di casi, è facilitata nelle zone temperate dal vivere in ambienti affollati, presentando quindi la massima incidenza in comunità infantili. CAUSE Il maschio è lungo 2-5 cm, la femmina 9-12 mm. L’infestazione avviene in seguito all’ingestione di uova del parassita, che contaminano l’ambiente… [..]

OSTEOMELITE

Processo infiammatorio che interessa contemporaneamente un osso e il midollo osseo che vi è contenuto è di natura infettiva, provocato da germi che giungono all’osso per via sanguigna da focolai di infezione localizzati altrove (per es. infezioni urinarie, infezioni dentarie, polmoniti), o nel corso di malattie infettive generali dell’organismo (per es. setticopiemie, tifo, brucellosi), o per propagazione di processi infettivi vicini (per es. ascessi, artriti purulente), o per infezione diretta dell’osso dall’esterno (per contaminazione di fratture ossee aperte, ferite da arma da… [..]

OTITE ESTERNA ACUTA

Infiammazione acuta del condotto uditivo esterno.EZIOLOGIAPrincipalmente stafilococchi e Pseudomonas aeruginosa. Fattori favorenti sono umidità, traumi locali, o deermatite persistente. CLINICAOtalgia evocata di pienezza auricolareDIAGNOSIEsame otoscopico, edema del condotto uditivo intensamente iperemico, presenza di secrezione cremosa di colore variabile dal bianco al verdastroTERAPIATerapia locale: nella maggior parte dei casi, con preparati oftalgici topici a base di polixima e neomicina come Anauran 2-3 gtt x 3-4 volte/die. Una volta diminuita l'infiammazione, lavaggi con acido acetico… [..]

OTITE MEDIA

Infiammazione dell’orecchio medio, causata da diversi tipi di agenti infettivi, virus e batteri, può colpire un orecchio solo o tutti e due. E’ una delle malattie più frequenti nei bambini (ogni anno colpisce 1 bambino su 5), soprattutto se hanno meno di 3 anni, e sono meno provvisti di anticorpi che possano difenderli dai mille raffreddori che “girano”, specialmente in autunno e in inverno. L’orecchio medio è in comunicazione con il naso attraverso la Tuba di Eustachio, che ha il compito di mantentere una corretta pressione al suo interno, questo canale però può facilmente… [..]