Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

MALATTIA MANI-PIEDI-BOCCA

La malattia mani-piedi-bocca, tipica dell'età pediatrica è una malattia esantematica, con un’eruzione cutanea, nota anche come hand foot and mouth disease (HFMD), caratterizzata dalla comparsa di vescicole sul palmo della mano, sulla pianta del piede e al cavo orale tipica dei bambini piccoli inseriti in comunità come l'asilo. L'agente patogeno più frequentemente implicato nella patogenesi della malattia è un virus della famiglia dei coxsackie virus. A differenza di altre malattie esantematiche infantili la trasmissione avviene sia per via orale (attraverso cioè un contatto diretto con il muco o la saliva del paziente infetto, oppure con le goccioline respiratorie emesse con la tosse, gli starnuti o anche semplicemente parlando), che oro-fecale (dalle feci, dove viene eliminato il virus, alla bocca).

SINTOMI
I primi segni della MMPB sono generici quali febbre (in media 38.3°C), scarso appetito, sensazione di malessere, dolori addominali. Dopo 1-2 giorni dall'inizio della febbre compare l'enantema che si localizza sulla lingua o sulle gengive, sulla parte interna delle guance, sul palato. Si tratta di vescicolette rosse, raramente però è possibile vederle poichè esse facilmente si rompono lasciando rosioni dolorose al punto di causare spesso difficoltà ad alimentarsi. L'eruzione nella cavità orale precede la comparsa delle lesioni cutanee (LEGGI) che tipicamente si localizzano alle mani (regione palmare), ai piedi (regione plantare) ed alle natiche. Anche qui compaiono dapprima maculopapule rosse di 2-10 mm. che al centro si trasformano in vescicole grigiastre caratteristiche: infatti sono ellittiche con l' asse maggiore disposto parallelamente alle linee di tensione cutanea: non sono pruriginose.

TERAPIA
Nel giro di 7-10 giorni vi è la guarigione spontanea. Occasionalmente il paziente può presentare febbre alta, intenso malessere, diarrea e artralgie; raramente si associa una meningite asettica o virale