Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

OBESITA'

Eccessivo accumulo di grasso corporeo.

L'obesità è una delle cause più comuni di visite presso divisioni per adolescenti. La maggior parte dei casi di obesità è dovuta all'assunzione di cibo in quantità superiore a quella necessaria. Le influenze genetiche sono comuni e sono in atto ricerche sui geni responsabili. Le cause primitive endocrinologiche (p. es., ipersurrenalismo corticale, ipotiroidismo) o metaboliche non sono comuni. L'ipotiroidismo deve essere escluso. Se il bambino è basso e presenta ipertensione, si deve prendere in considerazione la sindrome di Cushing.

Frequentemente, un bambino lievemente obeso ingrassa rapidamente durante l'adolescenza e diviene obeso in modo significativo. L'adolescente obeso spesso sviluppa una scarsa immagine di sé e diviene disinteressato all'esercizio fisico, più sedentario e probabilmente isolato dalla società. I problemi medici secondari comuni comprendono ipertensione e i disturbi del ginocchio e della schiena. Se non trattata, l'obesità può continuare per tutta l'età adulta; spesso i genitori non si sentono all'altezza di aiutare i propri figli.

DIAGNOSI
- Esami di primo livello come glicemia a digiuno, insulinemia a digiuno, profilo lipidico, transaminasi
- Esami ormonali come cortisolo libero urinario, cortisolo e ACTH, plasmatici, test di soppressione con desametasone, test di stimolo con GH, calcemia, fosfatemia, fosfaturia.
- Esami strumentali come Rx età ossea, ecografia tiroidea, RMN addome e torace, RMN regione ipofisaria.

TERAPIA
Nonostante la disponibilità di molti approcci terapeutici, l'obesità è uno dei più difficili e scoraggianti problemi da trattare e le percentuali di successo a lungo termine sono basse. La scuola è un luogo appropriato per programmi nutrizionali e fisici specializzati anche se ne esistono pochi. Gli approcci chirurgici che riducono la dimensione dello stomaco sono riservati agli obesi più gravi. Possono essere utili la riduzione dell'introduzione di calorie con una dieta ben bilanciata e l'aumento dell'attività fisica (p. es. camminare, andare in bicicletta, nuotare, ballare). I cambiamenti permanenti delle abitudini alimentari devono essere incoraggiati attraverso un supporto psicologico.