Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CARDIOPATIE CONGENITE CON SHUNT SINISTRO-DESTRO, DIFETTO DEL SETTO INTERVENTRICOLARE (DIV)

Il difetto interventricolare o difetto del setto interventricolare (DIV) è una malattia congenita molto comune tra le categorie delle malformazioni cardiache del neonato. Si tratta della mancanza di divisione tra i due ventricoli la cui ampiezza e morfologia può variare da pochi millimetri ad una "rete" di piccoli forellini i quali creano un flusso "anomalo" (shunt) rispetto alla normale circolazione cardiaca.

Diagnosi
Il difetto interventricolare può essere rilevato tramite auscultazione. Il soffio dipende dal flusso anormale del sangue dal ventricolo sinistro, attraverso il setto interventricolare, al ventricolo destro. Se non vi è molta differenza di pressione tra i ventricoli sinistro e destro, quindi il flusso del sangue attraverso il difetto non sarà molto grande e potrà quindi rimanere silente.

Questa situazione si verifica
A) nel feto (quando le pressioni del ventricolo destro e sinistro sono essenzialmente uguali)
B) per un breve periodo dopo la nascita (prima che la pressione del ventricolo destro diminuisca). La conferma dell'auscultazione può essere ottenuta tramite l'ecocardiografia.
Per misurare più accuratamente la pressione ventricolare si può eseguire la cateterizzazione cardiaca.

Terapia consigliata
Spesso asintomatica, tale malformazione viene, da qualche anno, comunemente trattata chirurgicamente, presso centri specializzati in cardiochirurgia pediatrica, tramite tecniche che prevedono l'applicazione in sede di patch (toppe) o device in metallo nobile, comunemente chiamati ombrellini, impiantati sulla membrana interventricolare.

Tali tecniche assicurano un'ampia garanzia di guarigione per i piccoli pazienti che possono, già nei mesi successivi all'intervento,riprendere o iniziare a condurre una normale esistenza.