Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

COLPO DI CALORE - COLPO DI SOLE

Sindrome provocata da un’eccessiva esposizione al calore non compensata dai meccanismi di autoregolazione termica dell’organismo.

Cause
È un disturbo severo causato da una temperatura troppo alta, associata ad un elevato tasso di umidità e alla mancanza di ventilazione, a cui l’organismo non riesce ad adattarsi.

Sintomi
Può manifestarsi anche in un ambiente chiuso oppure in un luogo dove non batte direttamente il sole. Inizia con un senso di irrequietezza, mal di testa, ronzii agli orecchi.

In un breve tempo la temperatura del corpo raggiunge e supera i 38,5°C. La pelle è calda al tatto e appare congestionata. I

l viso diventa bluastro, il respiro è accelerato, il cuore batte disordinatamente e la pupilla appare dilatata.

Non c’è sudorazione e la pressione si abbassa a tal punto da portare allo svenimento.

Terapia
É necessario trasportare subito la persona in un luogo fresco, ombroso e possibilmente ventilato.

Va quindi sdraiata sulla schiena con le gambe sollevate e svestita completamente.

Con un asciugamano o un panno imbevuti di acqua fredda è necessario tamponare più volte il corpo dell’ammalato allo scopo di far scendere la temperatura.

Ogni volta che l’asciugamano diventa tiepido va nuovamente immerso in acqua fredda.

Se possibile, è bene anche porre una borsa di ghiaccio sulla testa della persona.

La temperatura corporea va tenuta costantemente sotto controllo: se scende al di sotto dei 38°C è bene sospendere gli impacchi e asciugare la persona.

Se la temperatura risale invece è necessario riprendere l’operazione di raffreddamento.

Al più presto possibile si deve chiamare un’ambulanza: il trasporto in ospedale e il ricovero sono indispensabili.

Reidratamento: Reidratare il bambino con soluzioni glucosaline EV o OS in modo da prevenire disidratazione con iposodiemia, normosodiemia, ipersodioemia prima di decidere il tipo di soluzione glucosata da infondere, valutare la sodiemia.