Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CARDIOPATIE CONGENITE CON LESIONI OSTRUTTIVE, STENOSI POLMONARE (SP)

Stenosi polmonare è una congenita (presente alla nascita), difetto che si verifica a causa di uno sviluppo anormale del cuore fetale durante le prime 8 settimane di gravidanza. La valvola polmonare si trova tra il ventricolo destro e l'arteria polmonare. Ha tre volantini che funzionano come un one-way porta, permettendo al sangue di fluire in avanti in arteria polmonare, ma non indietro nel ventricolo destro.Con stenosi polmonare, problemi con la valvola polmonare rendere più difficile per i volantini per aprire e permettere al sangue di fluire in avanti dal ventricolo destro ai polmoni.… [..]

CARDIOPATIE CONGENITE CON SHUNT SINISTRO-DESTRO, DIFETTO DEL SENO INTERATRIALE (DIA)

A seconda della sede si distingue in DIA tipo ostium secundum localizzato nella fossa ovale, in DIA tipo seno venoso alla confluenza della vena cava superiore o inferiore e atrio destro, in DIA tipo ostium primum a livello della giunzione atrioventricolare. SintomiIl tipico soffio eiettivo di grado 2-3/6 è apprezzabile nella parte superiore della linea parasternale sinistra associato a sdoppiamento, fisso, del secondo tono (S2). Il soffio in genere compare sopra l'anno di età, quando il flusso ematico polmonare aumenta in maniera significativa. Un ampio shunt sinistro-destro (rapporto tra… [..]

CARDIOPATIE CONGENITE CON SHUNT SINISTRO-DESTRO, DIFETTO DEL SETTO ATRIO-VENTRICOLARE (CAV)

Pervietà del setto interatriale e/o interventricolare a livello delle valvole atrioventricolari, in genere associata ad anomalie della valvola mitralica o tricuspidale. I difetti settali atrioventricolari costituiscono circa il 5% delle cardiopatie congenite. In questo ambito sono compresi i difetti del setto interatriale tipo ostium primum e i difetti completi del canale atrioventricolare (difetti dei cuscinetti endocardici, difetti del setto atrioventricolare); questi ultimi si riscontrano comunemente nei lattanti con sindrome di Down. I difetti completi del canale atrioventricolare possono… [..]

CARDIOPATIE CONGENITE CON SHUNT SINISTRO-DESTRO, DIFETTO DEL SETTO INTERVENTRICOLARE (DIV)

Il difetto interventricolare o difetto del setto interventricolare (DIV) è una malattia congenita molto comune tra le categorie delle malformazioni cardiache del neonato. Si tratta della mancanza di divisione tra i due ventricoli la cui ampiezza e morfologia può variare da pochi millimetri ad una "rete" di piccoli forellini i quali creano un flusso "anomalo" (shunt) rispetto alla normale circolazione cardiaca. Diagnosi Il difetto interventricolare può essere rilevato tramite auscultazione. Il soffio dipende dal flusso anormale del sangue dal ventricolo sinistro, attraverso il setto… [..]

CARDIOPATIE CONGENITE CON SHUNT SINISTRO-DESTRO, DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA)

Si riscontra in almeno l'80% dei bambini nati prima delle 28 sett. di gestazione e in circa 1 su 2000 nati vivi a termine di gravidanza. La sua frequenza subisce un progressivo decremento all'aumentare dell'età gestazionale. SintomiNel prematuro, la pervietà del dotto arterioso (PDA) si presenta frequentemente con iperafflusso polmonare e ulteriore compromissione degli scambi gassosi, in particolar modo nel neonato con sindrome da distress respiratorio. Il lattante presenta polsi scoccanti, un precordio iperdinamico, e un aumento del suono di chiusura della valvola polmonare. Tipicamente, si… [..]

CARIE DENTALE

TerapiaLa carie dentale va curata sempre. Quando l'estrazione è necessaria, occorre mettere un distanziatore al posto del dentino, per mantenere lo spazio per i denti permamenti.Profilassi- Igiene dentale: uso dello spazzolino con setole morbide, senza dentifricio, iniziando all'incirca intorno al primo anno. Dai 3 ai 6 anni impiego di dentifricio con basso contenuto di fluoro due volte al giorno. Dopo i 6 anni dentifricio con medio contenuto di fluoro due volte al giorno.- Misure dietetiche: evitare l'introduzione eccessiva di zuccheri.- Somministrazione di fluoro: la fluoroprofilassi va… [..]

CEFALEE - EMICRANIA

Cefalea primaria caratterizzata dal ripetersi di attacchi intervallati da periodi liberi.Terapia consigliata Il trattamento preventivo finalizzato a ridurne frequenza, gravità e durata. Analgesici, antiinfiammatori non steroidei come ibuprofene (come moment o nurofen 10mg/kg/dose) o Paracetamolo come Tachipirina (15mg/kg/dose). Antiemicranici specifici indicati quando gli analgesici convenzionati non sono sufficienti. I preparati più efficaci sono i triptani. … [..]

CHEILITE ANGOLARE

Lesioni ragadiformi localizzate alla commessura labiale, di origine micotica o batterica. Sono facilitate dalla salivazione abbondante. Terapia consigliata Consiste nell'applicazione locale per pochi giorni di preparazione antimicotiche oppure nel caso di forte irritazione di associazione antibiotico + corticosteroide. … [..]

CHELOIDE

I cheloidi sono abnormi ed anomale lesioni cicatriziali che si formano sulla pelle a seguito di traumi, abrasioni, ferite, ustioni o piercing. Ciò che li distingue dalle classiche cicatrici ipertrofiche è l'estensione e l'irreversibilità della lesione: i cheloidi, infatti, crescono in modo esagerato a partire dalla ferita, diffondendosi anche nelle zone limitrofe senza regredire spontaneamente. Nonostante il cheloide, di per sé, non costituisca una lesione maligna, molti pazienti ricorrono ad un intervento specifico (es. laser, crioterapia, iniezioni di cortisone) perché il danno creato… [..]

CHERATITE ERPETICA

Sintomi Il sintomo iniziale è una sensazione di corpo estraneo nell'occhio; a questo, successivamente, si associano aumento del riflesso della lacrimazione, dolore crescente e fotofobia. Raramente sono colpiti entrambi gli occhi.Cause Quest'infezione da parte del virus Herpes simplex di tipo 1 viene contratta in giovane età e tende poi a ripresentarsi, quando si abbassano le difese immunitarie. Terapia consigliata La malattia tende di per sé a risolversi spontaneamente nel giro di qualche settimana. La presenza di lesioni oculari impone, tuttavia, un accuratissimo monitoraggio delle… [..]

CHETOACIDOSI DIABETICA

Si definisce chetoacidosi diabetica (DKA) un grave scompenso metabolico causato da: Diminuzione assoluta o relativa dei livelli circolanti di insulina associata a aumento degli ormoni contro-regolatori quali glucagone, catecolamine, cortisolo e ormone della crescita. La DKA rappresenta la causa più importante di morbilità e mortalità in soggetti in età pediatrica affetti da diabete mellito insulino-dipendente (IDDM) e ne costituisce la modalità di esordio nel 15-67% dei casi (Europa e Nord America). La frequenza della DKA diminuisce in modo significativo con… [..]

CISTICERCOSI

Sintomi Se le cisti sono localizzate a livello cutaneo si hanno noduli non dolenti; a livello oculare, iridociclite e coroidite o retinite e distacco di retina. Se è colpito il sistema nervoso possono verificarsi crisi epilettiche oppure cefalea, vertigini, delirio, allucinazioni, idrocefalo e meningite. Cause Responsabile di tale infestazione è la larva di Taenia solium. Terapia consigliata La terapia prevede praziquantel o albendazolo in associazione a corticosteroidi; il trattamento chirurgico va limitato ai casi di cisticercosi dell'occhio o quando esistano gravi lesioni nervose… [..]

Pagina 1 2 3 4