Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CONGIUNTIVITI

La congiuntivite è un’infiammazione od infezione della membrana trasparente (congiuntiva) che ricopre la palpebra e parte del bulbo oculare. L’infiammazione fa diventare più sporgenti i piccoli vasi sanguigni presenti nella congiuntiva e questo fa emergere il colore rosa o rosso nella parte bianca dell’occhio.

La causa della congiuntivite di norma è

- un’infezione batterica o virale,
- una reazione allergica oppure,
- nei neonati, il dotto lacrimale non ben aperto.

L’infiammazione data dalla congiuntivite può essere molto irritante, ma di rado influisce negativamente sulla visione. Se pensate di essere affetti da congiuntivite è possibile prendere provvedimenti per limitare il disagio, ma può essere contagiosa, quindi per limitare i danni è indispensabile procedere a una diagnosi e a una terapia precoci.

Cause
Tra le cause della congiuntivite ricordiamo:

- Virus,
- Batteri,
- Allergie (in genere in questi casi ad essere colpiti sono entrambi gli occhi),
- Sostanze chimiche penetrate nell’occhio,
- Corpi estranei nell’occhio,
- Nei neonati, dotto lacrimale ostruito.

Congiuntivite virale e batterica
Le congiuntiviti virale e batterica possono colpire un occhio solo oppure entrambi; la congiuntivite virale di norma produce un’emissione di sostanze acquose dall’occhio mentre la congiuntivite batterica, al contrario, di solito produce una sorta di muco giallastro o verdastro, e di consistenza più spessa. Sia la congiuntivite virale che quella batterica possono essere connesse al raffreddore o con i sintomi di un’infezione respiratoria, ad esempio del mal di gola.

Sia la congiuntivite virale sia quella batterica sono molto contagiose e possono colpire sia gli adulti sia i bambini; la congiuntivite batterica, tuttavia, è più frequente tra i bambini che tra gli adulti.

Congiuntivite allergica
La congiuntivite allergica colpisce entrambi gli occhi e rappresenta la risposta a un fattore che scatena l’allergia, ad esempio a un polline. In reazione agli allergeni l’organismo produce un anticorpo detto immunoglobulina E (IgE) che, a sua volta, fa sì che i mastociti, cioè speciali cellule della mucosa oculare e delle vie respiratorie, rilascino sostanze infiammatorie, come l’istamina. Il rilascio di istamina nell’organismo può produrre diversi sintomi, ad esempio la congiuntivite.

Se soffrite di congiuntivite allergica, probabilmente avrete un forte prurito, una lacrimazione intensa ed un’infiammazione degli occhi, inoltre starnutirete e vi colerà il naso. La maggior parte dei casi di congiuntivite allergica può essere tenuta sotto controllo con i colliri appositi per l’allergia.

Congiuntivite da irritazione
Anche l’irritazione causata da sostanze chimiche o corpi estranei nell’occhio è connessa alla congiuntivite: in alcuni casi, strofinare e pulire l’occhio nel tentativo di liberarlo da una sostanza chimica o di togliere l’oggetto, può causare arrossamento e irritazione. I sintomi, che comprendono lacrimazione e produzione di muco, di norma scompaiono spontaneamente nel giro di un giorno.

Fattori di rischio

Tra i fattori di rischio per la congiuntivite ricordiamo:

- Esposizione a un allergene (per la congiuntivite allergica),
- Esposizione a persone affette da congiuntivite virale o batterica,
- Uso delle lenti a contatto, soprattutto quelle non usa e getta .

Sintomi
Tra i sintomi più frequenti della congiuntivite ricordiamo:

- Rossore in uno o in entrambi gli occhi,
- Prurito in uno o in entrambi gli occhi,
- Sensazione di sabbia in uno o in entrambi gli occhi,
- Lacrime “appiccicose” da uno o da entrambi gli occhi, che formano una crosta durante la notte (è piuttosto indicativo in tal senso non riuscire ad aprire l’occhio al mattino senza l’aiuto delle mani),
- Lacrimazione.

Terapia
Congiuntiviti batteriche: Causate più spesso da Haemophilus influenzae, Streptococcus pneumoniae, Branhamelia catarralis vanno trattate con colliri antibiotici oftalmici ed i più indicati sono:
- Ampicillina (Ampilux): 1-2 gocce per occhio ogni 12 ore
- Acido fusidico (Fucithalmic): 1 goccia per occhio ogni 12 ore

Congiuntiviti virali: Sono frequentemente dovute ad Adenovirus. Non esiste trattamento specifico. Si risolvono in genere spontaneamente in 10gg.

Congiuntiviti allergiche: Comprendono la congiuntivite classica e congiuntivite primaverile. Il trattamento comprende
- Terapia sintomatica:

  • Antistaminici orali come Clarytin sosp 1 mg/ml; cpr 10 mg:5 mg/die (<30 kg); 10 mg / die (> 30 kg), dose unica al mattino
  • Antistaminici Topici come Livostin collirio 1gt per occhio x 2-3 volte/die
  • Vasocotrittori topici come Imidazyl collirio 1-2 gtt per occhio 2/3 volte die
  • Cortisonici topici come Visumetazione collirio 1 gt x 2-3 volte die, per brevi cicli e  sotto assiduo controllo specialistico.