Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CONVULSIONI NEONATALI

Le convulsioni rappresentano un frequente e, a volte, serio problema neonatale. Esse possono verificarsi associate a qualunque disturbo che coinvolge direttamente o indirettamente il SNC e richiedono una valutazione immediata per la determinazione della loro causa specifica e del loro trattamento. Il tipo di convulsioni che si verificano nel neonato non permette di distinguere se dipendono da lesioni focali del SNC o da disordini metabolici. La natura focale tipica delle convulsioni neonatali può essere attribuita al deficit di mielinizzazione, la prevalente funzione inibitoria nella… [..]

COREA

Con il termine corea (dal greco corcìa = danza) si indica uno stato morboso caratterizzato dalla presenza di movimenti involontari bruschi, rapidi e continuamente variabili per intensità, ritmo e distribuzione, che interessano alcuni gruppi muscolari o che sono generalizzati a tutto l’organismo. Questi movimenti anormali sono accentuati dalla fatica, sia fisica sia mentale, e dalle emozioni sono diminuiti invece dal riposo durante il sonno cessano. Cause Nell’ambito delle coree si distinguono: la Corea di Huntington o degenerativa, la Corea di Sydenham o infantile, la Corea… [..]

CORPI ESTRANEI (CE)

- CORPI ESTRANEI NEL NASOI corpi estranei nasali sono comuni nei bambini piccoli e determinano la comparsa di secrezioni maleodoranti, ematiche e unilaterali. I sali minerali si depositano su un corpo estraneo ritenuto da tempo, formando un rinolita. I corpi estranei nasali possono talora essere rimossi in ambulatorio utilizzando un rinoscopio e le pinze nasali di Hartmann, ma spesso è necessaria l'anestesia generale. I rinoliti si asportano con difficoltà perché la loro forma tende ad adattarsi al contorno del passaggio nasale. Terapia: Rinoscopia anteriore e posteriore, eventualmente… [..]

CRIPTORCHIDISMO

Condizione patologica di natura malformativa congenita caratterizzata dall’assenza nello scroto di uno o di entrambi i testicoli, i quali risultano invece contenuti nella cavità addominale. È necessario distinguere un Criptorchidismo da un’ectopia testicolare, caso in cui il testicolo è comunque ritenuto, ma localizzato al di fuori del tragitto normalmente percorso nella sua discesa. Il Criptorchidismo è l’espressione di un difetto più o meno completo del normale processo di discesa del testicolo, il quale si forma nell’embrione entro la cavità celomatica vicino ai reni, e poi… [..]

DACRIOSTENOSI CONGENITA

La dacriostenosi congenita generalmente compare fra le 3 e le 12 sett. di vita con una lacrimazione continua (epifora) di un occhio o, raramente, di entrambi (l'epifora è una lacrimazione continua dovuta alla fuoriuscita cronica di lacrime dal margine palpebrale sulla guancia). L'insorgenza tardiva e l'assenza di essudato purulento nella dacriostenosi congenita la differenziano dalla congiuntivite neonatale dovuta all'instillazione di nitrato d'argento o a una infezione batterica. La dacriostenosi acquisita con epifora può verificarsi in seguito a ostruzione infiammatoria del dotto… [..]

DEFICIT DI ATTENZIONE-IPERATTIVITA (ADHD)

ADHD (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder), è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Il Disturbo da deficit d'attenzione ed iperattività (ADHD) è un disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria che rende difficoltoso e in alcuni casi impedisce il normale sviluppo e integrazione sociale dei bambini. Si tratta di un disturbo eterogeneo e complesso, multifattoriale che nel 70-80% dei casi coesiste con uno o più altri disturbi (fenomeno definito comorbilità). La coesistenza di più disturbi aggrava la… [..]

DERMATITE ATOPICA

Infiammazione superficiale della cute, cronica e pruriginosa, frequentemente correlata a storia familiare o personale di malattie allergiche (p. es., febbre da fieno, asma). La suscettibilità è di origine genetica, ma la patologia viene indotta da vari agenti e fattori ambientali. Molti allergeni inalanti e alimentari evocano, mediante scarificazione o test intradermico, reazioni di tipo orticarioide e infiammatorio generalmente poco rilevanti; la sospensione, in genere, non causa la remissione, se non talvolta, nei giovani pazienti. I pazienti con dermatite atopica mostrano abitualmente… [..]

DERMATITE DA PANNOLINO

La dermatite da pannolino o eritema da pannolino è un problema frequente nei bambini al di sotto dei due anni di età e consiste in un arrossamento di varia entità che colpisce le zone a contatto con il pannolino (natiche, inguine e genitali). Le cause I fattori, spesso concomitanti, che favoriscono la comparsa delleritema da pannolino sono: sfregamento del pannolino sulla pelle estremamente delicata, sottile e sensibile dei bambini; la macerazione della cute favorita dall'umidità, dal calore e dalla scarsa traspirazione dovuti alla presenza del pannolino; prolungato… [..]

DERMATITE ERPETIFORME

È una rara dermatosi papulo-vescicolosa, di origine autoimmunitaria, caratterizzata, oltre che da peculiari aspetti clinici, da una sintomatologia pruriginosa molto ingravescente. La patologia insorge per lo più in soggetti di giovane età che possiedono una particolare predisposizione genetica e, nella gran parte dei casi, si associa a forme, anche fruste, di morbo celiaco, una enteropatia sensibile al glutine. La dermatosi ha un decorso estremamente cronico, con periodi di remissione e riesacerbazione che possono ripresentarsi anche per decenni. Sintomi È caratterizzata dalla comparsa… [..]

DERMATITE SEBORROICA INFANTILE

Si tratta di una reazione eritematosa con formazione di squame giallastre o croste grasse che colpisce soprattutto le aree seborroiche (quelle ad alta concentrazione di ghiandole sebacee), tra cui: cuoio capelluto, viso, dietro le orecchie, petto e pieghe (ascelle). Durante l'infanzia, appare tra la seconda e la decima settimana. In circa il 50% dei bambini si verifica prima della quinta settimana di età, e anche se può persistere per tutta la vita, scompare spontaneamente nel corso di un breve periodo di tempo, fino a quando non riappare all'inizio della pubertà. La sua frequenza nel… [..]

DERMATOFITOSI

Infezioni causate da dermatofiti, funghi in grado di parassitare esclusivamente strutture morte, ricche di materiale cheratinico (strato corneo, peli, unghie). Trichophyton, Epidermophyton, e Microsporum sono i più coinvolti, ma la differenziazione clinica tra i vari dermatofiti è difficile. La trasmissione avviene, in genere, tra persona e persona o da animale a persona. Verosimilmente gli animali domestici non sono i soli responsabili. Alcuni dermatofiti producono una infiammazione scarsa o nulla o una risposta immune; in molti casi il microrganismo persiste, causando esacerbazioni e… [..]

DERMATOMIOSITE GIOVANILE

Malattia che è caratterizzata da una compromissione della cute, del tessuto sottocutaneo e dei muscoli scheletrici. Essa si manifesta con la comparsa in queste strutture di infiltrati infiammatori cronici che determinano alterazioni degenerative delle fibre muscolari. Poiché la malattia interessa in genere molti muscoli dei due lati del corpo si usa comunemente il termine di polimiosite. Maggiormente colpiti sono i muscoli prossimali degli arti (cioè dei cingoli scapolo-omerale, pelvico e delle cosce), quelli del tronco, del collo e quelli faringei (con conseguente disfagia, cioè… [..]

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13