Scarica l’applicazione per visualizzare oltre 400 farmaci con relativi dosaggi ad uso pediatrico e 300 malattie con sintomi e relative terapie. Un prontuario farmaceutico pediatrico tascabile.

 

 

ipediatria ipediatria

Malattie

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CORPI ESTRANEI (CE)

- CORPI ESTRANEI NEL NASO
I corpi estranei nasali sono comuni nei bambini piccoli e determinano la comparsa di secrezioni maleodoranti, ematiche e unilaterali. I sali minerali si depositano su un corpo estraneo ritenuto da tempo, formando un rinolita.
I corpi estranei nasali possono talora essere rimossi in ambulatorio utilizzando un rinoscopio e le pinze nasali di Hartmann, ma spesso è necessaria l'anestesia generale. I rinoliti si asportano con difficoltà perché la loro forma tende ad adattarsi al contorno del passaggio nasale.

Terapia: Rinoscopia anteriore e posteriore, eventualmente Rx del cranio che permette di localizzare i corpi estranei. Estrazione mediante catetere metallico da insuflazzione tubarica. Non usare le pinze che possono incuneare il corpo estraneo nelle fosse nasali

- CORPI ESTRANEI NELL'OCCHIO
Possono essere congiuntivali o corneali. In genere provocano sintomi dopo 12-24 ore con sensazione di corpo estraneo, lacrimazione, fotofobia, dolore.

Terapia: Vanno asportati con i cotton-fioc, si applica poi una pomata antibiotica.

- CORPI ESTRANEI NELL'ORECCHIO
In genere oggetti di plastica o metallici, o da insetti. Si consiglia un esame otoscopico.

Terapia: Lavaggio auricolare, eventuale estrazione strumentale.

- CORPI ESTRANEI NELLE VIE AEREE

Dovuto all'inalazione di materiale presente in bocca o in transito in faringe. Se il materiale si  blocca della laringe o nella trachea possiamo riscontrare tosse, dispnea grave e asfissia più o meno imponente. Se il materiale e fermo nei bronchi il sintomo più frequente è la tosse, seguita da febbre e dispnea. Nella maggior parte dei casi sono presenti reperti toracici patologici. Il primo esame da seguire è l'esame radiografico RX della regione cervicale e del torace. Occorre tenere presente che le radiografie possono risultare negative sull' 80% dei Corpi estranei laringotracheali e nel 27% di quelli intrabronchiali.Per cui eni casi sospetti si ricorre all'esame endoscopico.

Terapia
: Consiste nell'asportazione del materiale per via endoscopica in anestesia generale.  Per facilitare l'estrazione può essere oportuno ridurre l'edema della mucosa bronchiale con cortisonici topici e sistematici e con adrenalina per via areosolica.

- CORPI ESTRANEI NELLE VIE DIGESTIVE
Abbastanza frequenti e raramente pericolosi. I corpi estranei possono causare tosse, dolore, disfagia. Possono essere evidenziati mediate radiografia.

Terapia: I corpi estranei esofagei sono pericolosi in quanto possono causare una perforazione e devono essere subito asportati per via endoscopica. I corpi estranei gastrici non richiedono in genere rimozione. Solo in presenza di sintomi importanti (dolori addominali, vomito) va presa in considerazione l'immediata asportazione per via endoscopica o laparoscopia.