Ultime malattie inserite

DIVEZZAMENTO - SVEZZAMENTO

Passaggio graduale o brusco dall’allattamento esclusivamente a base di latte ad una alimentazione mista in cui trovano posto i cereali, la carne, la frutta e la verdura. Poiché tale passaggio determina nel poppante un sensibile mutamento delle funzioni digestive, che devono adattarsi al nuovo tipo di alimento, è opportuno che ogni divezzamento sia condotto con molta cautela. Lo svezzamento coincide col momento in cui, nella vita del lattante, intervengono i primi tangibili cambiamenti…

MAGALOERITEMA INFETTIVO

Parvovirus B19TRASMISSIONESecrezioni respiratorie, goccioline di salivaINCUBAZIONE4-14 giorniCLINICAFebbre, esantema al volto (guance rosse) poi al tronco e alle estremità. Risoluzione lenta (1-3 settimane) con riaccensioni dopo esposizione alla luce solare, calore, esercizio fisico e stress. Complicazioni posso essere artralgie o srtriti in bambini grandi, crisi aplastiche transitorie in soggetti con anemia emolitica cronica. TERAPIANon richiede trattamento…

DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI (DAR)

Si parla di dolori addominali ricorrenti quando si hanno 3 o più episodi di dolore addominale in un periodo 3 mesi. I tre tipi di dolori addominali ricorrenti (DAR) (psicogeno, organico e funzionale) si differenziano in base alla causa sottostante. Incidenza L'incidenza nella popolazione pediatrica generale è leggermente > 10%; il rapporto femmine:maschi è 4:3. I DAR sono rari prima dei 4-5 anni e sono più comuni tra gli 8 e i 10 anni, con un secondo picco di incidenza nelle…

TONSILLITE CRONICA

Possono essere conseguenza di ripetuti episodi di t. acuta o esordire come tali sin dall’inizio, con una sintomatologia attenuata, caratterizzata da lievi e saltuari dolori alla gola, senso di fastidio e di bruciore, modesto disturbo alla deglutizione, febbricola persistente, malessere generale, facile affaticabilità. Le tonsille, inizialmente e specie nell’età infantile, possono accrescersi di volume, per aumento del tessuto linfatico tonsillare (t. cronica ipertrofica), successivamente…

TETANO

Malattia infettiva acuta da Clostridium tetani, caratterizzta da convulsioni e spasmi tonici intermittenti dei muscoli volontari; lo spasmo dei masseteri è responsabile del nome di "trisma" (o "serramascelle"). EPIDEMIOLOGIA In tutto il mondo il tetano provoca 50000 morti all'anno. L'infezione può svilupparsi anche post-partum nell'utero (tetano materno) e nell'ombelico dei neonati (tetanus neonatorum). La malattia clinica non conferisce immunità. Il tetano è una malattia di enorme…

BRUCELLOSI (FEBBRE ONDULANTE - FEBBRE MALTESE)

Sintomi Febbre di vario aspetto clinico (brusca e subito alta, febbricola, febbre ondulante) che si accompagna ad artralgie, mialgie, nevralgie, sudorazione acida e abbondante, dispepsia e astenia. Epatosplenomegalia variabile in quanto a entità, ma estremamente frequente. Possibili sono le complicanze osteoarticolari (spondilite), la cronicizzazione e manifestazioni recidive a carico del sistema nervoso, del sistema genitale (orchiepididimite), dell'apparato ghiandolare (parotite, mastite),…

ECHINOCOCCOSI (idatidosi cistica)

Malattia parassitaria dovuta ad infestazione dell’organismo da parte di larve di vermi Platelminti Cestodi appartenenti al genere Echinococcus. Allo stadio di verme adulto il parassita vive nell’intestino del cane, suo ospite definitivo, ed ha come ospite intermedio la pecora, il vitello o accidentalmente l’uomo che ne può ingerire le uova soprattutto con gli alimenti inquinati dalle feci del cane.La malattia si osserva soprattutto nelle regioni in cui si hanno importanti allevamenti di…

TUBERCOLOSI POLMONARE

La malattia recrudescente interessa tipicamente le cicatrici nodulari nell'area apicale di uno o di entrambi i polmoni (foci di Simon) e può allargarsi attraverso i bronchi alle altre porzioni. La recrudescenza può aver luogo mentre un focus primario di TBC è ancora in fase di cicatrizzazione, ma è più spesso ritardata sino a quando un'altra malattia faciliti la riattivazione dell'infezione. In un soggetto immunocompetente il cui test alla tubercolina risulti positivo ( 10 mm),…

Ultimi farmaci inseriti

Tiagabina - Gabitril

La tiagabina è un farmaco utilizzato nelle epilessie, è un inibitore di GAT-1, il più diffuso trasportatore del GABA. Il suo effetto è conseguentemente quello di aumentare la permanenza di GABA a livello sinaptico, e quindi la sua disponibilità. Può avere effetti collaterali quali astenia, sonnolenza, tremore. In alcuni casi il farmaco può dare una sindrome simil-influenzale.Dose (OS)6 mg/die in 3 somministrazioniGabitrilCompresse 5-10-15 mg…

Caspofungin - Candidas

Candida aspergillus. Indicato per candidiasi, aspergillosi. Effetti indesiderati possono essere nausea, vomito, cefalea.DoseEV infusione lenta: 50-70 mg/die in monosomministrazione CandidasFlacone ev 50-70 mg…

Cromoglicato Sodico - Lomudal

Farmaco antiasmatico che, bloccando il flusso di calcio a livello della membrana cellulare, previene la liberazione di sostanze istaminiche broncocostrittrici. È usato nella prevenzione delle crisi asmatiche, ma non nell'attacco acuto. Nei bambini si ottiene generalmente un risultato migliore che negli adulti. Effetti indesiderati possono essere raucedine, tosse e cefalea.Dose (> 1 anno)Areolos: 20 mg x 4 volte/dieLomudalFiale per areosol 2 ml 20 mg: 1 fiala x 4 volte/die…

Montelukast - Lukasm - Montegen - Singulair

Farmaco antagonista dei leucotrieni, utilizzato nella terapia dell'asma. E' inserito nella terapia dell'asma di grado moderato-severo in quanto è in grado di ridurre le riacutizzazioni. Sembra essere efficace quanto il salemterolo se associato a uno steroide come il fluticasone. il montelukast è indicato come terapia alternativa ai corticosteroidi inalatori a basso dosaggio nei pazienti pediatrici (2-5 anni) con asma lieve persistente che non riescono ad usare i corticosteroidi per via…

Calcio cloruro

Indicato nel trattamento di ipocalcemie; nelle condizioni che richiedono un pronto aumento dei livelli ematici di calcio (es. insufficienza renale, ipoparatiroidismo, tetania, tetania neonatale, deficienza di vitamina D, alcalosi), nell’iperpotassiemia con conseguente tossicità cardiaca e nell’intossicazione da magnesio. Effetti indesiderati possono essere bradicardia, ipotensione, arresto cardiaco, aritmie, stipsi, diarrea, ipercalcemia.Dose- Arresto cardiaco: 0,2 ml/kg EV lenta…

Mexiletina - Mexitil

Farmaco appartenente alla 1 classe degli antiaritmici, indicato nelle aritmie ventricolari, specialmente post-infartuali o da digitalici. Può determinare disturbi intestinali, sonnolenza, disturbi visivi, confusione mentale, intensificazione del tremore nei pazienti parkinsoniani, parestesie, atassia, discrasie ematiche e tossicità epatica. La prima controindicazione è rappresentata, naturalmente, da tutte le forme di bradicardia; analogamente, la mexiletina non va somministrata in caso di…

Propafenone - Rytmonorm

Farmaco antiaritmico indicato in aritmie ipercinetiche ventricolari e sopraventricolari, fibrillazione atriale parossistica. Controindicato in caso di scompenso cardiaco, disturbi della conduzione, grave ipotensione. È generalmente ben tollerato. Può determinare nausea, ipotensione, scompenso cardiaco. Aumenta l'effetto degli anticoagulanti e la sua azione è diminuita dalla rifampicina. È consigliabile assumere le compresse intere a stomaco pieno: se masticate possono infatti determinare…

Cefoxitina - Mefoxin

La cefoxitina rientra fra le cefalosporine (agenti battericidi) di seconda generazione. Viene utilizzato contro le infezioni da Bacteroides fragilis, Clostridium, Morganella Morganii, Neisseria gonorrhoeae, Proteus vulgaris, nella comprimissione renale nella dialisi e nell'emodialisi. Sconsigliato in soggetti con insufficienza renale, da evitare in caso di gravidanza e allattamento, ipersensibilità nota al farmaco o in casi di allergia alle penicilline. Fra gli effetti collaterali più…